MafieInLiguria.it

Osservatorio Boris Giuliano

Chi siamo

L’Osservatorio giuridico nasce dall’idea di un gruppo di studenti, laureati e laureandi in Giurisprudenza e non solo, membri del presidio di Libera ”Francesca Morvillo”. Con il sostegno del coordinamento regionale di Libera Liguria, abbiamo inteso promuovere una seria informazione sui fatti di mafia che riguardano il nostro territorio.

Consentire alla cittadinanza di conoscere i principali procedimenti che sono stati celebrati e, nel contempo, monitorare il radicamento e l’evoluzione delle cosche criminali: questi sono i nostri obiettivi. Abbiamo pensato di assolvere a molteplici esigenze: raccontare in modo chiaro i processi, studiare il territorio per cogliere i sintomi della presenza mafiosa, rendere accessibili i documenti giudiziari (ordinanze, sentenze, informative).

La Liguria è una terra di mafia. Lo testimoniano numerose inchieste che a partire dagli anni ’80 (se non prima) si sono susseguite, periodicamente, con alterne vicende. Talora non è stata raggiunta la prova dell’associazione mafiosa, pur in presenza di fatti gravi idonei a configurare almeno l’associazione per delinquere tradizionale. In altri casi, il crimine mafioso si è mostrato  in tutta la sua rilevanza e sono arrivate pesanti condanne.

Con serietà, disincanto e competenza abbiamo l’intenzione di raccontare la Liguria da una prospettiva mai indagata sino in fondo: la prospettiva di una regione contaminata, prevalentemente sana nel suo tessuto sociale ma al contempo infiltrata nei gangli del potere.

L’Osservatorio si propone di fare luce su fatti e nomi. Indagini e processi. Assoluzioni e condanne. A partire dal processo Teardo, che ha visto l’ex Presidente della Regione condannato per gravi reati – ma assolto dall’accusa di associazione mafiosa – sino alla recente sentenza del Tribunale di Imperia – che dopo trent’anni ha accertato per la prima volta la presenza delle cosche calabresi nel ponente ligure.

La Liguria si è sempre considerata estranea a certe dinamiche, lontana dalla delinquenza mafiosa; nell’indifferenza generale, però, si è risvegliata ‘ndranghetista.

Per combattere il fenomeno bisogna innanzitutto conoscerlo, decifrarlo. Questo è lo scopo dell’ Osservatorio.


REDAZIONE

Luca Traversa (Responsabile): laureato in Giurisprudenza con una tesi sull’associazione mafiosa e la prova del 416 bis nei processi di mafia del Nord, diplomato alla Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Genova, attualmente svolge la pratica forense. É membro della Segreteria Regionale di Libera Liguria. Attivista nel presidio di Libera Genova “F. Morvillo” (dal 2011 al 2015), è ora membro del Consiglio Direttivo dell’associazione A.D.eS.So (Antimafia, Diritti e Solidarietà Sociale).

Davide Ghio (Grafico e Videomaker): Frequenta attualmente la Facoltà di Architettura di Genova. Storico membro del Presidio di Libera “F. Morvillo”, è ora membro del Consiglio Direttivo dell’associazione A.D.eS.So (Antimafia, Diritti e Solidarietà Sociale). E’ conosciuto da tutti come “Maestro”, per le sue spiccate doti artistiche.

Antonio Lijoi (Autore e Grafico): diplomato a Genova nel 2014 presso il Liceo Classico Andrea D’Oria, attualmente è iscritto al terzo anno di Giurisprudenza ed è membro del Presidio di Libera “F. Morvillo”. Per l’Osservatorio si occupa di articoli, video, info-grafiche, rassegna stampa.

Andrea Macario (Direttore Artistico): laureato in Scienze Politiche Internazionali (magistrale) all’Università di Genova, è consulente di marketing e comunicazione strategica per varie aziende private, nonché data-analyst

Marco Antonelli (Autore): laureato in Scienze Politiche (magistrale) all’Università di Pisa, Master in Prevenzione della Corruzione, è il Referente di Libera La Spezia e autore de “Il Confine: tra Liguria e Toscana, dove le mafie si fanno in quattro”. 

Federica Barabino (Autrice): laureata in Giurisprudenza con una tesi sui collaboratori e testimoni di giustizia nei processi di criminalità organizzata, attualmente lavora presso uno studio investigativo e frequenta un Master in Criminologia. É membro del Presidio di Libera “F. Morvillo”.

Valentina Lari (Autrice): diplomata nel 2013 al Liceo Classico C. Colombo, è studentessa al quarto anno di Giurisprudenza ed ha fatto parte del Presidio di Libera “F. Morvillo”. Attualmente siede nel Consiglio Direttivo dell’associazione A.D.eS.So. (Antimafia, Diritti e Solidarietà Sociale).

Paolo Frosina (Autore): studente laureando in Giurisprudenza, giornalista per passione e – si spera – professione, membro di Libera dal 2009, tra i fondatori del Presidio “F. Morvillo”. Ad oggi fa parte dell’associazione A.D.eS.So. (Antimafia, Diritti e Solidarietà Sociale)

Pietro Mensi (Addetto Stampa e Autore): Diplomato al Liceo classico C.Colombo, volontario di Libera dal 2011 al 2015, impegnato nel sociale in diverse associazioni. Appassionato di comunicazione e politica, laureato in legge con una tesi sociologica sulle mafie in Liguria. Attualmente lavora per Riparte il futuro ed è impegnato sui temi della corruzione.

Stefano Rossi (Vignettista e Autore): collabora a diversi progetti di fumetto e comunicazione, ha studiato all’Accademia di Belle Arti della stessa città e storytelling presso StudioStorie. Per l’Osservatorio realizza vignette e scrive articoli.

Guglielmo Cassinelli (Informatico e Grafico): chitarrista per passione e/o professione, compositore, è l’uomo che ha costruito, materialmente, il sito.

 

4 Comments

  1. Idea geniale!!!! Sempre più difficile trovare informazione libera sui giornali, troppo complicato per un semplice cittadino di media cultura documentarsi in autonomia tra le carte dei processi! !!

  2. Iniziativa degna di nota.
    Da studente in legge, volevo sapere se avete pubblicato sul sito anche le tesi da Voi realizzate sul fenomeno mafioso che sarebbe molto interessante poter consultare.
    Grazie.

Rispondi